Home

CONCEPT


"Espressività" e "bellezza" sono le parole chiave di questa ricerca.

L'atto di creare dal nulla un'Opera è occasione unica e irripetibile di volontà espressiva totale, spaziale, organica, ricca di momenti di tensione che liberano l'individualità dell'Artista per proiettarla verso l'esterno. Date tali premesse l'Arte può definirsi tale solo quando è in grado di innescare emozioni nello Spettatore: emozioni individuali intime, vivide e vive.

La perfezione si raggiunge quando, seppur nelle imperfezioni, siano riconosciute nell'Opera d'Arte "bellezza" e "funzionalità". E' così che il concetto di bellezza di un' Opera d'Arte è da intendersi molto vicino a quello della bellezza di un'Opera architettonica. La perfezione sublime si ha quando un'Opera d'Arte è messa a confronto con un'Opera architettonica sia essa antica che contempotanea in un effetto di valorizzazione reciproco.

Questi i presupposti che muovono la mia Arte: Fluida, materica, dinamica, impulsiva, selvaggia ma anche pacata, leggera, liquida, razionale, armoniosa. Arte astratta gestuale informale capace di far scaturire emozioni ma anche in grado di dialogare con spazi architettonici di qualsiasi tipo.


"Expressiveness" and "beauty" are the keywords of this research. The act of creating a work from scratch is a unique and unrepeatable opportunity for total, spatial, organic expressive will, full of moments of tension that free the artist's individuality to project it outwards. Given these premises, Art can be defined as such only when it is able to trigger emotions in the Viewer: intimate, vivid and alive individual emotions. Perfection is reached when, even in the imperfections, "beauty" and "functionality" are recognized in the Work of Art. This is how the concept of beauty of a work of art is to be understood very close to that of the beauty of an architectural work. The sublime perfection of a work of art is compared with an architectural work, both ancient and contemporary, in an effect of enhancement when reciprocal. These are the assumptions that move my Art: Fluid, material, dynamic, impulsive, wild but also calm, light, liquid, rational, harmonious. Informal gestural abstract art capable of arousing emotions but also able to dialogue with architectural spaces of any type.